FANDOM


Aborto.jpg

Manifesto contro l'aborto

Punto di vista della Chiesa

La posizione delle religioni maggiori nei confronti dell'aborto procurato è solitamente di condanna.

"Ancora una volta si vuole limitare o eliminare il valore supremo della vita e ignorare i diritti dei bimbi a nascere. L’aborto non è mai una soluzione. Quando si parla di una madre incinta, parliamo di due vite: entrambe devono essere preservate e rispettate perché la vita è un valore assoluto." (Papa Francesco)

"È la stessa logica che porta all'aborto: se il bambino dà fastidio, non lo si accetta, lo si elimina; e che i cittadini paghino le spese. Ma il bambino è una persona, una parola irripetibile di Dio, ha una propria storia. [...] Ma allora quale differenza c'è tra la mafia, la camorra, la 'ndrangheta che uccidono l'avversario che da fastidio, e coloro che sostengono che si può uccidere con un omicidio premeditato chi dà fastidio?" (Oreste Benzi)

"L'aborto è il più grande distruttore della pace perché, se una madre può uccidere il suo stesso figlio, cosa impedisce che io uccida te e che tu uccida me? Non c'è più nessun ostacolo." (Madre Teresa di Calcutta)

Punto di vista dell'Ebraismo

La Bibbia condanna l'omicidio come peccato e quindi la morte del feto, che viene già considerato essere umano, secondo la propria crescita ed evoluzione, dopo i 40 giorni dal concepimento, e l'aborto sono ritenuti peccato.


Punto di vista della Chiesa Cattolica

La Chiesa , sulla base degli stessi riferimenti scritturali e apostolici, ha sempre considerato la vita un dono del Signore, e dunque un bene in sé di cui all’uomo non è dato disporre: ne consegue che l’aborto, in quanto scelta volontaria dell’uomo volta a impedire lo sviluppo della vita, equivale ad un omicidio ed è considerata peccato mortale gravissimo, in quanto con questa scelta l’uomo si contrappone arbitrariamente alla volontà di Dio.  Il  comandamento di Dio è formale: << Non uccidere>>. La vita è nello stesso  tempo un dono e una responsabilità , ricevuta come un <<talento>> e deve essere valorizzata. La tradizione della Chiesa ha sempre ritenuto che la vita umana deve essere protetta e favorita sin dal primo suo inizio, come nelle diverse tappe del suo sviluppo. Nella Didachè è detto chiaramente : <<Tu non ucciderai con l’aborto il frutto del grembo e non farai perire il bimbo già nato>>. Atenagora sottolinea che i cristiani considerano come omicide le donne che usano medicine per abortire; egli condanna chi assassina i bimbi, anche quelli che vivono ancora nel grembo della loro madre, dove si ritiene che essi <<sono già l’oggetto delle cure della Provvidenza divina>>. Tertulliano afferma chiaramente questo principio essenziale: << E’ un omicidio anticipato impedire di nascere; poco importa che si sopprima l’anima già nata o che la si faccia scomparire sul nascere.  E’ già un uomo colui che lo sarà>>. San Tommaso , dottore comune della Chiesa, insegna che l’aborto è un peccato grave contrario alla legge naturale. 


Punto di vista della Chiesa Ortodossa

La posizione della Chiesa ortodossa, per riferimenti biblici, patristici e dottrinali coincide con quella della Chiesa Cattolica, ed è da sempre contraria all'aborto.


Punto di vista della Chiesa Anglicana

La Chiesa anglicana non ha definito una posizione ufficiale sul momento a partire dal quale la vita in sviluppo nell'utero femminile è una persona umana, e quindi santa e titolare del diritto alla vita.

Fonte: http://christuscastitas.altervista.org Fonte: http://www.uaar.it/laicita/aborto

Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.

Inoltre su FANDOM

Wiki casuale