FANDOM


DEFINIZIONE E SPIEGAZIONE MITO DI INIZIAZIONE

L'iniziazione è un complesso di riti di natura sociale e religiosa, tipico delle società pre tecnologiche, attraverso il quale la tribù, nella persona degli anziani a ciò preposti, realizza l'ingresso degli adolescenti nella vita completa di un gruppo(oppure religione, setta o tribù) conferendogliene tutti i diritti e imponendogliene tutti i doveri. Le origini dei riti di iniziazione affondano le loro radici nella preistoria, legate ai riti religiosi e di costume delle prime organizzazioni umane. Nella maggior parte dei miti di iniziazione l' individuo è o diventa un eroe compiendo delle prove.L'aspirante iniziato deve superare delle prove, al fine di mostrare la sua accettabilità nel gruppo, un esempio ne sono le 12 fatiche di Ercole. Un tipico rito di iniziazione è l'avulsione degli incisivi diffusa nella preistoria o presso certe tribù dell'Africa o dell'Australia. Proveniente dalla lingua latina, il termine iniziazione identifica un inizio. Il verbo relativo, iniziare, sta a significare l'avviare una particolare azione o evento. In molte tribù, soprattutto in Africa (per esempio quella Masai) queste prove servono a far passare un ragazzo da tale a cacciatore. L'iniziazione assume una particolare importanza nel caso della società (o dell'associazione) segreta, sette per esempio. Solitamente un rito d'iniziazione include un processo guidato dove coloro che stanno al più alto livello della gerarchia guidano l'iniziato attraverso un processo di incremento di conoscenza. Questo spesso include la rivelazione di segreti che sono solitamente riservati a coloro che sono già stati iniziati. Nel contesto del rituale magico e dell'esoterismo, l'iniziazione è considerata la causa di un fondamentale processo di cambiamento. La persona che conduce l'iniziazione, l'iniziatore, essendo in possesso di un indubbio potere, trasferisce questo potere alla persona che sta per essere iniziata. Di conseguenza il concetto di iniziazione è molto simile a quello di successione apostolica. Il processo di iniziazione è spesso correlato a una simultanea morte e rinascita poiché oltre che un inizio comprende anche la fine dell'esistenza su un livello e l'ascensione al livello successivo. L'iniziazione è una componente chiave di Sant Mat, Surat Shabd Yoga e altre congreghe religiose simili. Essa denota un consenso generale verso il Guru e implica il fatto che il discepolo concordi con i requisiti come lo stile di vita etico, la meditazione. L'iniziazione è presente come concetto in quasi tutti i gruppi culturali, sebbene con alcune differenze di applicazione. Nella tribù bapedi l'iniziazione normalmente è considerata una fase durante cui al ragazzo viene impressa la mascolinità e alla ragazza la femminilità. È consigliato a ognuno parteciparvi affinché sia considerato pienamente membro della tribù. L'iniziazione è ritenuta una procedura di fondamentale importanza perché aiuta a costruire il rispetto negli adolescenti e li prepara a essere ottimi mariti e ottime mogli. Nonostante al giorno d'oggi essa non sia diffusa, permangono organizzazioni sociali che ancora la praticano. In esse non sarà permesso a un uomo di sposare o avere qualsiasi relazione con una ragazza che non sia ancora passata attraverso l'iniziazione, perché ella non è ancora considerata pienamente come donna.

Sito: http://www.wikipedia.org/ Immagini:http://www.google.it/

Esempi del mito di iniziazione - LE FATICHE DI ERCOLE

Eracle, chiamato dai latini Ercole, è forse l’eroe più famoso di tutta la mitologia classica.

Figlio di Alcmena e di Anfitrione, ma in realtà di Zeus che aveva posseduto la donna trasformandosi nel suo sposo, fu perseguitato da Era, moglie di Zeus, gelosa della donna e del figlio. In alcuni momenti della sua leggenda, l’eroe appare diventato pazzo, tanto da uccidere i figli. Successivamente sarebbe stato costretto dal cugino Aristeo a compiere le dodici fatiche, forse per volere di Apollo Pizio. Le prime sei fatiche furono compiute nel Peloponneso, le altre sei nel resto del mondo: Creta, Scozia,, Tracia, paese delle Esperidi, Inferi. Questo è l’elenco delle sue fatiche: uccisione del leone di Nemea; uccisione dell’Idra di Lerna; cattura del cinghiale d’Erimanto; cattura della Cerva di Cerinea; eliminazione degli uccelli del lago Stinfalo; pulizia delle stalle del re Augia; cattura del toro di Creta; domesticazione delle giumente di Diomede; conquista della cintura della regina Ippolita; furto dei buoi di Gerione; discesa agli Inferi e cattura del cane Cerbero; furto dei pomi d’oro delle Esperidi.


- DIADORO SICULO ci informa dei riti di iniziazione che, in epoca storica, si tenevano ad Agyrion, la cittadina della Sicilia centrale di cui egli era originario: qui, in un recinto consacrato a Iolaos, che aveva accompagnato Herakles alla ricerca dei buoi di Geryoneus, l'eroe riceve il suo culto annuale per ordine del suo maestro: “Tutti gli abitanti della città consacrano i loro capelli, che hanno lasciato crescere dalla nascita fino al momento in cui, con costosi sacrifici, essi possono conciliarsi il dio ottenendone dei buoni presagi. In questo santuario dominano una tale santità e una tale maestà che i ragazzi (paides) che trascurano di offrire questi sacrifici perdono la parola e diventano simili a morti. Ma chi sia afflitto da questa disgrazia, nel momento in cui fa il voto di offrire il sacrificio e di costituire un pegno per il dio, riacquista la salute. Così gli abitanti, praticando questi riti, chiamano “eraclee” le porte davanti alle quali vengono alla presenza del dio, per compiere i sacrifici a lui consacrati; e ogni anno, col massimo zelo, organizzano dei giochi, che comprendono concorsi ginnici e corse di cavalli. Tutta la popolazione, uomini liberi e servi, è in comunione per l'adorazione dl dio; dopo che gli schiavi hanno sacrificato a parte, viene loro ordinato di raccogliersi in bande e di unirsi agli altri per tenere banchetti e sacrificare al dio


- IDA MAGLI L'antropologa Ida Magli fa derivare il termine Iniziazione dal latino "Initium", indicante la cerimonia con la quale si entrava in una associazione misterica. E ne individua quattro gruppi principali: riti di iniziazione tribale compiuti su giovani maschi (iniziazioni puberali); cerimonie e particolari esperienze fisiche e spirituali che conferiscono il diritto di entrare ed appartenere a gruppi chiusi, associazioni, società segrete; riti di passaggio da un'età ad un'altra (al fine di creare una gerarchia all'interno del medesimo gruppo culturale); addestramento cui determinati individui vengono sottoposti per accedere alla condizione di sciamani, stregoni, maghi, medicine-men (guaritori).


ANTICHI O DEL NOSTRO TEMPO? Se pensate che i riti di iniziazione facciano parte solo del passato o di culture lontane da noi vi sbagliate di grosso. Anche se hanno assunto una valenza sociale diversa anche nel nostro mondo esisto una miriade di riti di iniziazione che scandiscono i passaggi più importanti della nostra esistenza. I riti di iniziazione costituiscono quella tipologia di cerimonie, ricche di rituali e simbolismo, che segnano il passaggio di una fase della vita o un cambiamento di status sociale. Ma i riti di iniziazione riguardano anche la pubertà, segnando il passaggio dei bambini nella condizione di adulti. Posso essere anche prolungati nel tempo, soprattutto se l’iniziazione è vissuta come una condizione collettiva. Per le femmine il passaggio nella vita adulta comincia con le prime mestruazioni, che segna la possibilità di procreare e quindi di essere donna. Il discorso è diverso per i maschi, per i quali il rito di iniziazione può variare, in alcune culture i giovani iniziati trascorrono un periodo lontano dalla società di appartenenza, sottratti alla loro famiglia e isolati, durante il quale sono sottoposti a prove fisiche durissime Anche la menopausa, quindi la conclusione del periodo di fertilità nella donna è contrassegnata da riti di iniziazione La morte è accompagnata da riti che aiutano la collettività ad accettare la nuova condizione di vita senza l’estinto. I funerali, ad esempio, consentono alla società del defunto di esprimere pubblicamente il dolore e sono un’occasione per riaffermare i valori collettivi dell’intera società.


Ci sono molti esempi di culture arcaiche che dimostrano un forte attaccamento ai riti, per esempio le popolazioni tribali perpetuano da millenni le loro pratiche di iniziazione e tributi, che avvengono in avvenimenti particolari e con regolarità, per esempio un adolescente che diventa adulto o la prima battuta di caccia. Queste pratiche dimostrano come queste popolazioni non siano legate alle tradizioni solo dall' infinito perpetuarsi di queste pratiche, ma anche da un forte legame affettivo, dato che queste pratiche infondono nel soggetto una forte fede e anche dalla concomitanza con le religioni politeiste. Dicendo ciò non si capisce come, proseguendo nel tempo, queste pratiche siano scomparse. Il punto è che, proseguendo nella storia, si sono abbandonati i riti di iniziazione, come quelli delle popolazioni tribali, per crearne di nuovi. Il battesimo, per esempio, è l' esempio più lampante di rito di iniziazione. Purtroppo, nel tempo, dopo la cultura industriale, tutti i riti di iniziazione precedenti sono andati persi e ciò ha creato un vuoto nella cultura umana che è stato sostituito, nel tempo, da pratiche di minore rilevanza, che poco soddisfano il bisogno dell' uomo di sentirsi elevato e puro

"Video"

Interessante usanza indiana, il lancio del neonato:

http://forum.chatta.it/fatti-del-giorno/8197798/il-lancio-del-neonato-video.aspx

Documentario sulla vita masai e le loro usanze:

http://m.youtube.com/#/watch?v=RnqVcHmswtA&desktop_uri=%2Fwatch%3Fv%3DRnqVcHmswtA&gl=IT

MAPPA RIASSUNTIVA

Mappa riassuntiva.jpg

Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.

Inoltre su FANDOM

Wiki casuale